GOVERNO: FALCO (GIOVANI PDL): “LASCIO BERLUSCONI E SCELGO CASINI

(AGENPARL) – Roma, 10 feb – Dopo l’abbandono del partito da parte del coordinatore nazionale dei Giovani Pdl, Francesco Pasquali, di numerosi dirigenti e dopo la raccolta firme della giovane consigliera municipale milanese Sara Giudice contro l’on. Nicole Minetti, un’altra defezione colpisce il movimento giovanile del Pdl.Virgilio Falco, 21 anni, coordinatore nazionale della struttura studentesca dei giovani del Pdl e componente della direzione nazionale del movimento giovanile, lascia il partito in forte polemica con i vertici della “Giovane Italia”.”Oggi ho presentato le mie dimissioni da questo movimento perchè non mi sento rappresentato da un partito che confonde la parola meritocrazia con il “velinismo”. A 14 anni ho iniziato a fare l’attivista di Forza Italia Giovani perchè credevo che si potesse realmente cambiare l’Italia. Mi sono reso conto che in questi sette anni tutte le promesse liberali, moderne, solidali e moderate che si andavano annunciando erano solo un pretesto per il potere e per la sua gestione personalistica” dichiara Falco. “Ne ho avuto triste conferma dopo lo stallo dell’attività di governo di questi mesi, dopo le triste vicende sessuali del presidente del consiglio e all’indomani dell’approvazione del decreto legislativo sul federalismo contro la volontà del Parlamento.Di sicuro l’atto che ha confermato tutti questi miei dubbi è stata la nomina di Berlusconi della giovanissima parlamentare Annagrazia Calabria a coordinatrice nazionale della Giovane Italia. Una nomina irrituale, in considerazione di una totale assenza di esperienza all’interno del movimento giovanile del partito. Questo meccanismo di nomina di figure prive di una solida storia politica non fa altro che umiliare i militanti che montano i gazebo in tutta Italia e che si dedicano con grande passione e volontà all’attività di partito. Sono stanco di questo sistema ed è per questo che oggi ho rassegnato le mie irrevocabili dimissioni dalle cariche all’interno di Giovane Italia e Studenti per le Libertà inviando una lettera motivata al presidente del partito Berlusconi” continua Falco.”Lascio Berlusconi e scelgo Casini, in quanto nell’Udc il movimento giovanile, a partire dal coordinatore nazionale Gianpiero Zinzi, responsabilizza i suoi migliori elementi, osservando scrupolosamente il principio della meritocrazia” ha concluso Falco.
Torna alla homepage https://agenparl.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.